Accedi |

STATUTO SOCIALE

DENOMINAZIONE – SCOPO – DURATA

Art. 1)

E’ costituita un’associazione denominata GOCCIA BLU FRIULI VENEZIA GIULIA con sede a Pordenone in Via San Valentino, 26. La sede potrà in ogni momento essere modificata con delibera dell’Assemblea senza dover procedere alla modifica del presente statuto.

Art. 2)

1. L’associazione e’ apolitica, apartitica, aconfessionale, non ammette discriminazioni di sesso, razza, lingua, nazionalità, religione, ideologia politica e non ha scopo di lucro. durante la vita dell’associazione non potranno essere distribuiti, anche in modo indiretto o differito, avanzi di gestione nonche’ fondi, riserve o capitale, gli eventuali proventi dell’attivita’ associativa devono essere reinvestiti nelle proprie attività di seguito indicate. E’ fondata sulla reciproca collaborazione dei soci con esclusione d’ogni attività di carattere professionale e commerciale ed ha i seguenti scopi: :

promuovere la cultura acquariofila; ampliare la conoscenza dell’Acquariofilia mediante contatti fra persone, Enti, Associazioni e Scuole; proporsi come luogo d’incontro e d’aggregazione nel nome d’interessi culturali e di ricerca, assolvendo la funzione sociale di maturazione e crescita umana e civile, attraverso l’insegnamento del rispetto per la Natura. L’Associazione per il raggiungimento dei suoi fini intende promuovere varie attività, in particolare:
attività culturali: convegni, conferenze, dibattiti in seminari, incontri e lezioni (sia teoriche che pratiche), in cui ci si potrà avvalere anche di mezzi multimediali e di internet a fini didattici, esplicativi e informativi;
attività di formazione: istituzione di gruppi di studio e di ricerca, corsi d’aggiornamento, incontri con operatori del settore (amatoriali e non), collaborazioni e scambio di esperienze con altri Enti, Fondazioni, e Associazioni con particolare interesse verso Acquari del bacino mediterraneo, europei e, naturalmente, italiani;
attività editoriale: divulgazione di un bollettino, pubblicazione di atti di convegni, di seminari, nonché degli studi delle ricerche compiute.

Organizzare viaggi per le sedi delle fiere di settore sia in Italia che all’estero.
L’Associazione potrà affiliarsi ad altre Associazioni o organismi nazionali ed internazionali aventi scopi analoghi

 

Art. 3)

La durata dell’associazione e’ a tempo indeterminato.

 

SOCI

Art. 4)

Il numero dei soci e’ illimitato.

Art. 5)

Sono soci dell’associazione:

  • I fondatori, cioè tutti coloro che hanno partecipato alla fondazione dell’Associazione;
  • Gli ordinari, cioè coloro che verseranno annualmente la quota ordinaria

Art. 6)

La qualità’ di socio si acquista mediante sottoscrizione della tessera ed accettazione del presente Statuto fatta salva l’eventuale inammissibilità’ decisa dal Consiglio Direttivo a suo insindacabile giudizio.

I soci sono tenuti alla corresponsione delle quote nella misura e modalità’ stabilita’ dal Consiglio Direttivo a pena di decadenza.

Le quote o il contributo associativo non sono trasmissibili ad eccezione dei trasferimenti a causa di morte e non sono soggetti a rivalutazione.

Art. 7)

La qualità’ di socio si perde per dimissione, per inosservanza del presente Statuto o del regolamento interno, per comportamento scorretto nei confronti dell’Associazione.

Tutte le relative decisioni sono assunte dal Consiglio Direttivo.

Art. 8)

Tutti i soci maggiorenni hanno diritto di voto per l’approvazione e le modificazioni dello statuto e dei regolamenti interni nonché per la nomina degli organi direttivi dell’associazione. Tutti i soci maggiorenni possono essere eletti alle cariche direttive previste e sono rieleggibili alla scadenza del mandato. Il diritto di voto non può essere escluso neppure in caso di partecipazione temporanea alla vita associativa. Il socio che intenda recedere dall’Associazione deve darne comunicazione con lettera raccomandata almeno 3 mesi prima dello scadere del periodo di tempo per il quale e’ associato oppure tramite E-Mail almeno 30 giorni prima.

 

Esercizio sociale – Rendiconto

Art. 9)

L’esercizio sociale si chiude al 31 dicembre di ogni anno. Alla fine dell’anno il Consiglio Direttivo provvede alla compilazione del rendiconto che dovra’ essere presentato all’assemblea dei soci per l’approvazione entro il 30 aprile dell’anno successivo.

 

Organi sociali

Art. 10)

Gli organi dell’Associazione sono:

-          l’assemblea dei soci;

-          il Consiglio Direttivo;

-          il Presidente ed il VicePresidente

-          Il Segretario-Tesoriere ed il ViceSegretario

 

Art. 11)

L’Assemblea dei soci è il momento fondamentale di confronto, atto ad assicurare una corretta gestione dell’associazione. Le assemblee sono ordinarie e straordinarie.

Hanno diritto ad intervenire alle assemblee tutti i soci in regola con il pagamento della quota associativa.

Ciascun associato ha diritto ad un voto.

Ciascun socio potrà’ rappresentare uno o più’ altri soci, fino ad un massimo di tre, purché’ munito di regolare delega scritta.

La convocazione delle assemblee deve effettuarsi almeno 15 giorni prima della data fissata per la prima udienza con lettera recapitata all’indirizzo di ciascun socio o mediante E-Mail.

Le assemblee ordinarie e straordinarie in prima convocazione sono validamente costituite con la presenza di almeno la meta’ dei soci. Non raggiungendo questo numero, l’assemblea e’ rinviata in seconda adunanza a non più’ di 30 giorni dalla prima; nella seconda convocazione, l’assemblea e’ valida qualunque sia il numero degli intervenuti, la data di questa sessione può’ essere fissata nella stessa lettera o E-Mail di convocazione della prima.

Le Assemblee deliberano validamente a maggioranza di voti dei soci presenti o rappresentati mediante delega.

La votazione avviene normalmente per alzata di mano; su decisione del Presidente, per le elezioni degli organi direttivi e per argomenti di particolare importanza la votazione può essere effettuata a scrutinio segreto; il presidente può inoltre, in questo caso, scegliere due scrutatori fra i presenti.

Art. 12)

L’Assemblea è presieduta da Presidente del consiglio direttivo, in sua mancanza dal vice presidente e in mancanza di costoro l’assemblea nominerà un presidente tra i soci presenti. Il Presidente dell’assemblea nomina un segretario e, se lo ritiene opportuno, due scrutatori. Spetta al presidente di constatare la regolarità delle deleghe ed in genere il diritto di intervento all’assemblea. Il segretario provvede a redigere i verbali delle deliberazioni dell’assemblea. I verbali devono essere sottoscritti dal presidente, dal segretario dell’assemblea ed eventualmente dagli scrutatori.

Art. 13)

L’assemblea ordinaria:

-          approva il rendiconto;

-          provvede alle nomine delle cariche sociali;

-          delibera sulle responsabilità’ dei componenti del Consiglio Direttivo;

-          decide su tutti gli altri oggetti relativi all’attività’ associativa riservati dal presente statuto o sottoposti al suo esame dal Consiglio Direttivo.

Art. 14)

L’assemblea straordinaria si riunisce per approvare le modifiche da apportare al presente Statuto e la liquidazione e scioglimento dell’Associazione.

Non possono essere, comunque, modificati gli scopi dell’Associazione stabiliti dal precedente articolo 2.

Art. 15)

Il Consiglio Direttivo e’ composto da cinque a nove membri nominati dall’Assemblea.

Per il primo esercizio il loro numero e la loro nomina vengono stabilite nell’atto costitutivo.

Il consiglio dura in carica due anni ed i suoi membri sono rieleggibili.

In caso di dimissioni, revoca o di decesso di uno dei membri, il consiglio alla prima riunione provvede alla sua sostituzione chiedendone la convalida alla prima assemblea annuale.

Possono ricoprire cariche sociali i soli soci, in regola con il pagamento delle quote associative, che siano maggiorenni, non ricoprano la medesima carica sociale in altre societa’ ed associazioni dello stesso tipo,  non abbiano riportato condanne passate in giudicato per delitti non colposi.

Art. 16)

Il consiglio si riunisce ogni qualvolta il Presidente lo ritenga necessario e comunque almeno una volta l’anno per deliberare in ordine al bilancio consuntivo, all’ammontare delle quote associative e all’ammissibilità dei Soci. Per la validità delle deliberazioni è necessaria la presenza della maggioranza dei membri del consiglio ed il voto favorevole della maggioranza dei presenti, in caso di parità prevale il voto di chi presiede. Il consiglio è presieduto dal Presidente o, in caso di sua assenza o impedimento, dal vice presidente. Delle riunioni del Consiglio verrà redatto, su apposito libro, il relativo verbale che verrà sottoscritto dal Presidente e dal Segretario.

Art. 17)

Il Consiglio Direttivo e’ investito di ogni potere per decidere sulle iniziative da assumere e sui criteri da seguire per il conseguimento e l’attuazione degli scopi dell’Associazione e per la sua direzione ed amministrazione ordinaria e straordinaria.

Il Presidente, o in caso di sua assenza il vice presidente, rappresenta l’Associazione nei confronti dei terzi ed in giudizio, in caso di urgenza essi possono esercitare i poteri del consiglio salva ratifica da parte di quest’ultimo alla prima riunione.

 

Presidente – VicePresidente

Art. 18)

Il Presidente e il VicePresidente sono eletti dai componenti il consiglio direttivo e durano in carica due anni e comunque fino all’assemblea ordinaria che procede al rinnovo delle cariche sociali. Il Presidente è il legale rappresentante dell’associazione a tutti gli effetti. Assume tutte le iniziative per il buon funzionamento dell’associazione e firma tutti gli atti ufficiali. In sua assenza viene sostituito in tutte le sue funzioni dal VicePresidente. In caso di dimissioni o impedimento grave, tale giudicato dal consiglio direttivo, il consiglio stesso provvede ad eleggere un Presidente sino alla successiva assemblea ordinaria.

Segretario-Tesoriere – ViceSegretario

Art. 19)

Il Segretario-Tesoriere e il ViceSegretario sono eletti dai componenti il consiglio direttivo e durano in carica due anni e comunque fino all’assemblea ordinaria che procede al rinnovo delle cariche sociali. Il segretario-tesoriere coordina le attività associative in conformità alle decisioni del Consiglio Direttivo; provvede a stendere i verbali delle riunioni, a custodire le carte amministrative, provvede alla registrazione contabile delle operazioni da presentare al consiglio direttivo per la stesura del bilancio consuntivo, conserva gli estratti conto inviati dalla banca, nonché tutte le pezze giustificative di spesa che dovranno essere presentate al consiglio direttivo in occasione della redazione del bilancio. Con il Presidente, è autorizzato a firmare gli assegni e le disposizioni bancarie finalizzate all’attuazione delle delibere assunte dal consiglio direttivo. In caso di sua assenza viene sostituito in tutte le sue funzioni dal ViceSegretario.

Patrimonio sociale.

Art. 20)

Il patrimonio dell’Associazione e’ costituito:

  • dalle quote sociali ordinarie e straordinarie;
  • dai beni mobili ed immobili che diventeranno di proprietà dell’Associazione;
  • da eventuali fondi di riserva costituiti con le eccedenze di bilancio;
  • da eventuali donazioni, erogazioni, lasciti e contributi volontari;
  • dall’utile derivante da manifestazioni o partecipazioni ad esse;
  • da ogni altra entrata che concorra ad incrementare l’attivo sociale.

Art. 21)

Il patrimonio dell’Associazione deve essere destinato esclusivamente ai fini ed agli scopi previsti dal presente Statuto.

Art. 22)

L’Associazione si scioglie per delibera dell’assemblea che provvederà, se necessario, alla nomina di uno o più liquidatori, l’eventuale patrimonio esistente, dedotte le passività dovrà essere devoluto ad associazione analoga non necessariamente di tipo acquariofilo.

Art 23)

Le eventuali controversie che dovessero insorgere tra i soci, tra costoro, l’associazione ed i suoi organi, saranno sottoposte, con esclusione di ogni giurisdizione, alla competenza di tre probiviri da nominarsi dall’assemblea, i quali giudicheranno ex bono et aequo senza formalità di procedura e con lodo inappellabile.

Art. 24)

Per tutto quanto non espressamente previsto nel presente Statuto, si fa riferimento alle disposizioni del Codice Civile.