Accedi |

La vasca di Alberto Zoratti

Introduzione:

Da quando ero piccolo ho sempre avuto in casa con un acquario tropicale, all’inizio di acqua dolce, poi marino. La passione me l’ha trasmessa mio padre. Poi, crescendo, ho ereditato questo suo hobby ed ho iniziato la mia avventura… Non posso negare che ho avuto non poche delusioni, ma grazie a tanta pazienza, costanza e soprattutto passione sono riuscito ad avere tante soddisfazioni.

Vasca:

Attualmente ho in ufficio una 120 x 50 x 50

E’ una vasca mista fra Molli, Lps ed Sps

 

Sump:

50 x 40 x 40 + Rabbocco Acqua: 15 x 40 x 40

 

Tecnica:

Pompe di movimeto:

2 Pompe VOYAGER 4 comandate da un Controller WAVE SURFER + 1 pompa Hydor Koralia 4 dietro la rocciata

 

Schiumatoio: Deltec APF 600 con pompa EHEIM compact 1000

 

Reatore di calcio: Ruwal RWCR500

 

Pompa di risalita: EHEIM Universal 2400

 

Riscaldatore: EHEIM Thermocontrol 200

 

Refrigeratore: HAILEA HC-150A

 

Osmoregolatore: Elos

 

Illuminazione: Plafoniera a LED GNC AM650

 


 


 


 

Allestimento:

La vasca è stata allestita con circa 38 Kg di rocce vive e da un leggero strato di sabbia corallina fina sul fondo.

 

Metodo di gestione:

Ho iniziato con il classico Berlinese, usando sempre resine per abbassare i Fosfati, poi ho conosciuto il mio attuale negoziante di fiducia, e sono passato alla Riproduzione Batterica.

Inizialmente avevo usato il metodo Xaqua, poi una volta stabilito il Redfield, ho interrotto tutto e uso solo batteri Biogenesi della Oceanlife, al cambio acqua.

Integro regolarmente e a giorni alterni :

Boro, Iodio, Stronzio, Element, Ferro, della Oceanlife

Uso regolarmente Zeolite e Carbone, in quantita’ ridotte.

 



Coralli :

Ho in vasca Montipore Digitate e Foliose , 1 Seriatopora Histrix, 1 Seriatopora Caliendrum, 1 Pocillopora , 1 Acropora, 2 Euphyllia Divisa e Paradivisa, 1 Xenia, 2 Zooantus, 2 Parazoanthus.

1 Cladiella, 1 Palitoa, 1 Scolimia

 

Pesci ;

Zebrasoma Flavescens, Paracanthus Ephatus, Pseudochelinius Exatheina, Amphripion Ocellaris


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 


 

Considerazioni e ringraziamenti

 

Per mie pessime esperienze avute con negozianti incompetenti, invito a chi si appresta a coltivare questo hobby, ad avere un minimo di informazione base, per cominciare a capire i concetti del marino. Avere delle informazioni sbagliate e prodotti inutili, si ha il duplice danno di buttare via soldi inutilmente e avere una vasca che non funziona mai.

Penso che al momento di scegliere, e bene farsi un giro per i vari negozi, cercando di capire la preparazione di ogni venditore, e guardando soprattutto le vasche, che sono il biglietto da visita di quello che sa fare un negoziante esperto.

Se si trova l’esperto, e superfluo cercare fra i vari forum, dove a determinate richieste, ognuno risponde in base alla propria esperienza, che sicuramente vera, ma purtroppo ogni vasca e’ una storia a se, e spesso l’esperienza di uno non e’ applicabile all’altro.

Tra l’altro, acquistare dietro solo consigli on-line, si corre il rischio che il prodotto che sicuramente ha funzionato in determinate vasche, non funzioni sulla tua, con la riconseguenza che spesso si spende due volte e non si ottengono i risultati sperati.

 

Ringrazio naturalmente come molti, la mia fidanzata Olga, che sopporta la mia latitanza causa acquario, e che dovra’ avere altro spirito di adattamento in quanto nella nuova casa, avremo una vasca d’acqua dolce, mentre il marino rimarrà in ufficio.

 

Ringrazio Leo, che mi ha spiegato i concetti del marino e aiutato nella gestione della vasca, nonché nel layout, anche se i coralli sono cresciuti talmente tanto che sono scomparse le rocce. In oltre devo a lui il recupero della vasca, e regolarmente sono disposto a fare oltre 100 km , visto che risiedo in zona Udine, per capire sempre più l’evoluzione del marino.